Guida Incoterms 2020 – Free On Board (FOB)

CONDIVIDI SU

La Camera di Commercio Internazionale (ICC) ha creato gli Incoterms, o termini commerciali internazionali, per semplificare il commercio globale. Queste linee guida universalmente riconosciute definiscono le responsabilità sia degli acquirenti che dei rivenditori negli accordi commerciali. Mentre alcuni di questi termini sono applicabili a tutte le modalità di trasporto, altri riguardano esclusivamente le spedizioni via mare.

Cos’è Free On Board (FOB)?

Free on Board (FOB) è un termine utilizzato nel commercio internazionale per definire chi è responsabile dei costi di trasporto e in quale fase viene trasferita la responsabilità dei danni per la merce.

Responsabilità

Esportatore

  • Imballaggio e carico della merce
  • Fornire la documentazione di spedizione necessaria per lo sdoganamento e pagamento delle tasse di esportazione
  • Consegna della merce al porto specificato
  • Copertura delle spese di gestione del terminal di origine (OTHC)

 

Importatore

  • Pagare il costo delle merci
  • Copertura dei costi di trasporto e di assicurazione legati al trasporto
  • Gestire lo sdoganamento al porto di ingresso e coprire i dazi o le tasse di importazione applicabili
  • Spese di scarico e trasporto interno
  • Dazi di importazione, sdoganamento ed eventuali tasse o commissioni applicabili

 

 

Sebbene queste siano le responsabilità generali applicabili, il trasferimento del rischio è diverso nel caso in cui venga utilizzato “FOB Origin” / “FOB Shipping” oppure “FOB Destination”.

 

FOB Origin / FOB Shipping

“FOB Origin” / “FOB Shipping” determina che l’acquirente assume la proprietà della merce non appena essa lascia la sede del venditore. Da qui l’acquirente si assume tutti i rischi ed i costi relativi ad eventuali danni o perdite della merce durante il trasporto.

 

FOB Destination

D’altra parte, “FOB Destination” stabilisce che il venditore si assume la responsabilità della merce fino al suo arrivo nel luogo designato dall’acquirente. Una volta che la merce arriva a destinazione, la proprietà ed il rischio si trasferiscono all’acquirente.

 

Quando utilizzare Free On Board (FOB)

È importante sottolineare che FOB è specifico per il trasporto marittimo delle merci, mentre altri Incoterms sono più adatti a modalità di trasporto differenti, come EXW (Ex Works) e CPT per esempio.

L’utilizzo del Free On Board (FOB) per le merci containerizzate è un errore comune che può esporre gli esportatori a rischi evitabili. Infatti, con il FOB, le responsabilità cambiano una volta che il carico è a bordo della nave, ma in caso di merci containerizzate, solitamente il carico viene consegnato al terminal, dove poi rimane in attesa di essere caricato sulla nave. Questo arco di tempo, che può durare ore o addirittura giorni, crea una zona ambigua di responsabilità. Per evitare questi rischi per le merci containerizzate, è consigliabile utilizzare alternative come FCA (Free Carrier) o CPT (Carriage Paid To), che sono specifiche per le spedizioni containerizzate e che definiscono le responsabilità in maniera più chiara.

Unisciti a eLogy per
supportare le tue vendite

Inizia oggi stesso ad automatizzare i tuoi processi di logistica unendoti a centinaia d’imprenditori digitali da tutta Europa.

MARCO - CEO ELOGY

MARCO - CEO ELOGY

Marco Lanzoni è il creatore di Elogy. La piattaforma che massimizza le performance del tuo e-commerce ottimizzando i processi pre e post vendita.