Strategie per evitare l’overstocking: ottimizza la gestione dell’inventario e la redditività

CONDIVIDI SU

Una delle maggiori difficoltà per le aziende è gestire efficacemente i livelli di inventario. L’eccesso di stock può risultare in uno spreco di capitale, mentre la carenza di stock ha gravi conseguenze sulla customer satisfaction. Per gestire adeguatamente i livelli delle scorte, è fondamentale adottare un approccio strategico nella gestione dell’inventario e sfruttare la tecnologia. Vediamo insieme come.

Cos’è l’overstocking?

L’overstocking si riferisce alla situazione in cui un’azienda acquista più inventario rispetto a quanto effettivamente necessario per soddisfare la domanda dei propri clienti. Questo comporta una serie di conseguenze negative, tra cui avere prodotti che rimangono invenduti o che bisogna rivendere a ribasso senza ottenere alcun guadagno. Inoltre, l’inventario in eccesso occupa spazio utile sugli scaffali e provoca un grande spreco di risorse finanziarie.

L’overstocking è spesso causa di previsioni errate della domanda, acquisti fatti senza considerare la velocità di vendita, valutazioni errate di marketing o problemi nella supply chain.

Previsioni errate della domanda

Non conoscere il comportamento dei propri clienti porta a fare previsioni inaccurate sulla domanda. Le conseguenze più gravi di questa inefficienza le conosciamo, ovvero situazioni che, oltre a far perdere opportunità di vendita, hanno anche un impatto negativo sulla soddisfazione del cliente.

Per migliorare la gestione dell’inventario, le aziende possono sfruttare la tecnologia per analizzare i dati dei propri clienti. Grazie a un sistema WMS i rivenditori possono prendere decisioni in base a previsioni altamente accurate basate su IA, in modo da ridurre le perdite di capitale e massimizzare la redditività. 

Capitale bloccato

Un’altra grave e frequente conseguenza dell’overstocking è il capitale bloccato. Quando un’azienda acquista inventario in eccesso, e che dunque rimarrà invenduto, impegna fondi preziosi che potrebbero essere investiti altrove. Fondi insufficienti ostacolano la possibilità di rifornire i magazzini e la competitività dell’azienda stessa.

Gestione dell’inventario inefficiente

Una delle principali cause dell’overstocking deriva da una gestione dell’inventario inefficiente. Le aziende che non hanno implementato tracking delle scorte e che utilizzano sistemi manuali, incorrono spesso in errori. Con questa modalità i conteggi dell’inventario non vengono aggiornati adeguatamente e l’inserimento di dati errati porta a ordinare stock in eccesso, occupando spazio non necessario nel magazzino e spreco di denaro.  

Non avere visibilità in tempo reale sui livelli di inventario porta dunque ad avere enormi difficoltà nel monitorare e gestire il proprio inventario in modo efficace.

Come prevenire l’overstocking?

Evitare overstocking e understocking ha alla radice una gestione dell’inventario efficiente, che implica un monitoraggio costante di tutti i prodotti che entrano ed escono dal magazzino.

Investire in un software di gestione dell’inventario WMS può essere di grande beneficio: sarà molto più semplice gestire dati, analitiche e calcoli in tempo reale, eliminando tutte le attività manuali e possibilità di errore. Inoltre, avere un WMS consente di salvare accuratamente tutti i dati necessari per gli indicatori chiave di prestazione (KPI) che si desidera monitorare. Questa soluzione consente di massimizzare l’efficienza delle operazioni e, in ultima istanza, la redditività del tuo ecommerce.

Unisciti a eLogy per
supportare le tue vendite

Inizia oggi stesso ad automatizzare i tuoi processi di logistica unendoti a centinaia d’imprenditori digitali da tutta Europa.

MARCO - CEO ELOGY

MARCO - CEO ELOGY

Marco Lanzoni è il creatore di Elogy. La piattaforma che massimizza le performance del tuo e-commerce ottimizzando i processi pre e post vendita.